TOPONOMASTICA FEMMINILE | A TORINO

 

Prosegue la collaborazione tra WISTER e TOPONOMASTICA FEMMINILE. La terza tappa ci porta a Torino a scoprire i Giardini delle Donne. A cura di Loretta Junk

Torino: i (pochi) giardini delle donne

A Torino esistono tante aree verdi senza denominazione, che ora sono contraddistinte con il nome delle strade che le delimitano, e da qualche tempo, con prudenza, si è iniziato a intitolarne qualcuna alle donne. 

TOPONOMASTICA FEMMINILE | SUCCEDE A MODENA…

 

Prosegue la collaborazione tra WISTER e TOPONOMASTICA FEMMINILE. La seconda tappa ci porta a Modena a scoprire le Paltadore a cura di Roberta Pinelli

Succede a Modena (e speriamo che succeda ancora)

Chi arriva a Modena con il treno, uscito dalla piazza della stazione, si trova davanti un grande edificio. Se non fosse per il colore, un bel rosso detto “modenese”, potrebbe essere un vecchio convento, ma con quel colore, cosa sarà? 

TOPONOMASTICA FEMMINILE | A PERUGIA

Toponomaste nel laboratorio atelier Giuditta Brozzetti

 

Si inizia con un post dedicato al GIARDINO ROSA E CECILIA CASELLI di Perugia a cura di Paola Spinelli.

Giovedì 18 settembre, proprio mentre le toponomaste convenute da tutta Italia per il IV Convegno Nazionale stavano visitando lo Studio Moretti Caselli a Perugia, la commissione per la toponomastica del Comune deliberava l’intitolazione di un piccolo giardino alle sorelle Rosa e Cecilia Caselli. Coincidenza? Non proprio.

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.