Giordania

Amman

di Marina Convertino

Un breve viaggio in Giordania mi ha fatto esplorare la città di Amman con occhi da toponomasta.
Amman con i suoi circa 3.000.000 di abitanti è diventata una città di respiro internazionale. Si presenta sommariamente divisa in due parti: la Down Town, ai piedi del sito archeologico La Cittadella, con una popolazione composta prevalentemente di profughi palestinesi e iracheni è quella che conserva la vera anima del paese, dove si incontrano i siti di maggior interesse della città con il Teatro romano, la moschea Al-Hussein, il mercato della verdura e il suk dell’oro.
Quella moderna con i grossi centri commerciali, alberghi di lusso, le ambasciate e grattacieli è in continua evoluzione e presenta una rete stradale complessa con i Circle da cui si dipartono viali lunghi anche parecchi chilometri, ponti e tunnel.
È soprattutto nella parte moderna che ho incrociato alcune delle strade intitolate alle donne e ho deciso di provare ad analizzare la toponomastica.
Nel Medio Oriente la Giordania è un paese che ha avuto un processo di evoluzione molto interessante, tra le iniziative concrete ha firmato nel 1980 la Convenzione per l'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW), grazie anche all’impegno del governo, cioè della famiglia reale. La Principessa Basma, a cui è dedicata la strada di cui ho riportato la foto, è molto impegnata per migliorare la condizione femminile e tra le varie attività che segue presiede la Jordanian National Commission for Women (JNCW). L’elenco riportato è una anticipazione e non esaustivo, mi sono limitata ad estrapolare dalla mappa della città i dati più evidenti, quelli con l’intitolazione a regine e principesse che, trovandosi in una Monarchia Costituzionale (regno Hashemita di Giordania) sono la maggior parte, e quelle che contenevano il prefisso “bint” il cui significato è figlia.A’isha Bint Abi Bakr, Asma Bint ‘Amis, Asma Bint Salama, Fatima Az-Zahra, Fatima Bint Al-Husayn, Fatima Bint Al-Khattab, Fatima Bint Asad, Hafsa Bint ‘Umar, Khadija Bint-Khuwaylid, Khawla Bint Tha’laba, Khawla Bint Al-Azwar, Princess Alia Bint Al-Hussein, Princess Aisha Bint Al-Hussein, Princess Badi’aa El-Hassan, Princess Basma, Princess Haya Bint Al-Hussein, Princess Iman Bint Abdullah, Princess Rahma El-Hassan, Princess Raya Bint Al-Hussein, Princess Taghreed Bint-Moh’d, Princess Tasneem Bint Ghazi, Princess Tharwat El-Hassan, Princess Zein Bint Al-Hussein, Queen Alia Airport Road, Queen Alia, Queen Noor, Queen Rania Al-Abdullah, Queen Rania Al-Abdullah Square, Queen Zein Al-Sharaf, Safiyya Bint Huyay, Sawad Bint Zam’a, Umayya Bint ‘Abd Shams.

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.