Africa

- S -

- Nyamko Sabuni: è la prima donna nera eletta, nel 2007, Ministra dell'Integrazione in Svezia. È nata in Burundi nel 1969. Si è battuta per i diritti delle donne e, soprattutto, per prevenire l’escissione, per il divieto di velo per le ragazze minori di 15 anni e per la proibizione del matrimonio forzato.

- Nerim Salem: egiziana, è la prima donna pilota di aerei civili del mondo arabo. In un'intervista rilasciata a Tiziana Alterio ha dichiarato di essere stata licenziata perché la compagnia le aveva imposto di togliersi il velo: "La donna deve avere il diritto e la libertà di indossare ciò che vuole".

 

- Chahida Sekkafi: prima donna arbitro in Italia a scendere in campo con l'hijab, il velo islamico. E’ accaduto il 16 febbraio 2014 sul campo di Cremona. Chahida è una ragazza italo-marocchina di sedici anni.

- Anna Semamba Makinda: prima donna a guidare il Parlamento della Tanzania nel novembre del 2010.

 

- Rabiatou Serah Diallo: prima donna segretaria di un sindacato in Africa, in Guinea.

 In un’intervista, alla domanda “Le donne africane saprebbero governare meglio degli uomini?”, ha risposto: “Certamente, se affidassero i ministeri della Difesa, delle Finanze e degli Esteri alle donne, avremmo meno guerre, più sviluppo e parità, e più cooperazione con altri Paesi. Ci sarebbero altri problemi, ma sicuramente meno danni e meno violenza…”.

 

Hala Shukrallah: la prima donna alla guida di un partito politico in Egitto.

 

- Amal Solimam: nel 2008 è stata la prima donna egiziana ad avere il ruolo di "officiante" nei matrimoni musulmani.È risultata la più idonea su 11 candidati di cui 10 uomini. Alla sua nomina sono esplose innumerevoli lamentele, infatti secondo la tradizione una donna durante il ciclo mestruale non può entrare dentro una moschea. Amal allora ha dichiarato che durante tale periodo officerà nelle case o nelle sale apposite. Come donna comunque verificherà, puntigliosamente, che la sposa sia veramente consenziente e non forzata al matrimonio dalla famiglia.

- Sushma Swaraj: la prima donna a capo del dicastero degli Esteri in India. Nata nel 1952 in una famiglia di bramini, e' dirigente del Bharatiya Janata Party. Nel 1977 divento' il più giovane ministro di uno stato indiano a soli 25 anni. Scelta per la sua grande esperienza, dovrà occuparsi del caso del due maro' italiani. 

 

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.