Portogallo

DISTRETTO DI LISBONA

COMUNE DI LISBONA

TOTALE STRADE / VIE / PIAZZE / ETC.: 3501
INTITOLATE A UOMINI: 1782
INTITOLATE A DONNE: 271
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE INTITOLATE A DONNE
Madonne (Immacolata, Beata Vergine, Santa Maria etc.):

36
Anunciada (largo)
Estrela (calçada/praça/rua)
Madre de Deus (largo/rua)
Maria (rua)
Nossa Senhora da Conceição (arco/travessa/travessa a Lapa/travessa a Gloria)
Nossa Senhora da Glória (calçada/rua/travessa)
Nossa Senhora da Graça (calçada/largo)
Nossa Senhora da Guia (beco)
Nossa Senhora da Ladeira (calçada)
Nossa Senhora da Luz (azinhaga/largo/rua)
Nossa Senhora do Monte (rua)
Nossa Senhora das Necessidades (calçada/largo/rampa)
Nossa Senhora de Ajuda (largo/rua)
Nossa Senhora do Carmo (calçada/travessa)
Nossa Senhora dos Prazeres (rua)
Nossa Senhora dos Remedios (rua/rua a Lapa)
Senhora da Saúde (rua)
Senhora do Encarnação (rua)
Nossa Senhora de Amparo (rua)
Virginia (rua)

Sante, beate, martiri: 44
das Beatas (beco/rua)

Maddalena (travessa/largo/rua)
Santa Marinha, S.Margherita d’Antiochia (largo/rua)
Santa (travessa)
Santa Quiteria (beco/travessa)
Santa Marta (beco/rua/ travessa)
Santana, S.Anna (calçada/rua/rua a Lapa/travessa/travessa da Cruz)
Sant’Apolonia (rua/travessa/calçada)
Santa Barbara (largo/rua)
Santa Catarina (calçada/miradouro/rua/travessa)
Santa Clara de Assis (campo)
Santa Engracia (rua/travessa)
Santa Helena (beco)
Rainha Santa Isabel (largo/praça/rua)
Santa Joana Princesa (avenida)
Santa Justa (rua)
Santa Luzia (azinhaga/travessa/largo)
Santa Susana (azinhaga)
Santa Teresa (rua/travessa)
Jacinta Marto (rua)
Santa Matilde (rua)
Suore e benefattrici religiose, benemerite, fondatrici ordini religiosi e/o enti assistenziali-caritatevoli: 11
Samaritana (rua)
Veronica (beco/rua)
Imrã Lucia, Suor Lucia di Fatima (jardim)
das Francesinhas, Suore Francesine (rua)
das Inglesinhas, Suore Inglesine (travessa)
Teresa de Saldanha (rua)
Irmãzinhas dos Pobres, Piccole Sorelle dei Poveri (travessa)
das Carmelitas, Suore Carmelitane (azinhaga)
das Freiras, Sorelle Suore (azinhaga)
Monicas, Moniche (travessa)
Benefattrici laiche, fondatrici enti assistenziali-caritatevoli: 13
Dona Ana Rosa (arco/calçada/escadinha)
Rainha Dona Amelia (avenida)
Princesa (largo/rua)
Dona Estefania (largo)
Maria Isabel Saint Léger (rua)
Maria Luisa Holstein (rua)
Maria Violante Vieira (rua)
Condessa do Rio (travessa)
Rainha dona Leonor (avenida)
Viscondessa dos Olivais (praça)
Letterate / umaniste (scrittrici, poete, letterate, critiche, giornaliste, educatrici, pedagoghe, archeologhe, papirologhe...):

42
Alice Pestana, Caiel (rua)
Ana de Castro Osório (rua)
Antonia Pusich (rua)
Bernanda Ferraira da Lacerda(rua)
Branca de Gonta Colaço (rua)
Carolina Michaelis deVasconcelos (rua)
Cecília Meireles (rua)
Dinah Silveira de Queiroz (rua)
Fernanda de Castro (jardim)
Florbela Espanca (rua)
Helen Adams Keller  (avenida)
Helena de Aragão (rua)
Irene Lisboa (rua)
Julieta Ferrão (rua)
Luciana Stegagno Picchio (rua)
Luisa Neto Jorge (rua)
Manuela Porto (rua)
Margarida Vieira Mendes (rua)
Maria Amalia Vaz de Carvalho (rua)
Maria Armanda Pires Falcão (rua)
Maria Brown (rua)
Maria da Luz Ponces de Carvalho (jardim)
Maria de Lurdes Belchior (rua)
Maria Judite de Carvalho (largo)
Maria Lamas (rua)
Maria Leonor Buescu (rua)
Maria Pimentel Montenegro (rua)
Marquesa de Alorna (rua)
Mécia Mouzinho de Albuquerque (rua)
Menina do Mar (rua)
Natalia Correia (rua)
Natercia Freire (rua)
Odette de Saint-Maurice (rua)
Olga Morais Sarmento (rua)
Rosalia de Castro (rua)
Sophia de Mello Breyner Andresen (miradouro)
Teresa Gomes (rua)
Violante Montesino (rua)
Virginia Queresma (rua)
Virgínia Rau (rua)
Virginia Vitorino (rua)
Wanda Ramos (rua)

Scienziate (matematiche, fisiche, astronome, geografe, naturaliste, biologhe, mediche, botaniche, zoologhe...): 4
Madame Curie (avenida)
Branca Edmée Marques (rua)
Laura Ayres (rua)
Enfermeiras das grande guerra, Infermiere della Grande Guerra  (rua)
Donne dello spettacolo (attrici, cantanti, musiciste, ballerine, registe, scenografe...): 43
Adelina Abranches (rua)

Adriana de Vecchi (rua)
Alice Cruz (jardim)
Amalia Rodrigues (jardim)
Amélia Ray Colaço (rua)
Angela Pinto (rua)
Arminda Correia (rua)
Aura Abranches (rua)
Berta Cardoso (rua)
Brunilde Júdice (rua)
Constança Capdeville (rua)
Elisa Baptista de Sousa Pedroso (jardim)
Elvira Velez (rua)
Emília das Neves (rua)
Emília Eduarda (rua)
Fernanda Alves (rua)
Francine Benoit (rua)
Glicínia Vieira Quartin (avenida)
Guilhermina Suggia (rua)
Helena Félix (rua)
Hermínia Silva (rua)
Irene Isidro (rua)
Ivone Silva (rua)
Laura Alves (rua)
Lucília do Carmo (rua)
Lucília Simões (rua)
Lucinda do Carmo (rua)
Lucinda Simões (rua)
Luisa Todi (rua)
Luzia Maria Martins (largo)
Maria Albertina (rua)
Maria Alice (rua)
Maria do Carmo Torres (rua)
Maria Josè da Guia (rua)
Maria Júdice da Costa (rua)
Maria Lalande (rua)
Maria Matos (rua)
Maria Teresa de Noronha  (rua)
Mariana Vilar (rua)
Nina Marques Pereira (rua)
Palmira Bastos (rua)
Rosa Damasceno (rua)
Severa (largo)
Artiste (pittrici, scultrici, miniaturiste, fotografe, fumettiste...): 9
Maria Helena Viera da Silva (avenida)
Amélia Carvalheira (jardim)
Madalena Perdigão (largo)
Eduarda Lapa (rua)
Josefa de Óbidos (rua)
Maluda  (rua)
Maria de Lourdes  Mello e Castro (rua)
Raquel Roque Gameiro (rua)
Sarah Afonso (rua)
Figure storiche e politiche (matrone romane, nobildonne, principesse, regine, patriote, combattenti della Resistenza, vittime della lotta politica / guerra / nazismo, politiche, sindacaliste, femministe...): 24
Dona Estefania (rua/travessa)
Rainha dona Filipa (praça)
Maria de Lourdes Sá Teixeira (jardim)
Maria Isabel Aboim Ingles (largo)
Adelaide Cabete (rua)
Adelaide Felix (rua)
Alcina Bastos (rua)
Alda Nogueira (rua)
Aurora de Castro Gouveia (rua)
Carolina Angelo (rua)
Dona Filipa de Vilhena (rua)
Dona Maria Ana de Austria (rua)
Edith Cavel (rua)
Elina Guimarães (rua)
Leonor Pimentel (rua)
Maria de Lourdes Pintasilgo (rua)
Maria Veleda (rua)
Publia Hortênsia de Castro (rua)
Rainha dona Brites (rua)
Rainha dona Caterina (rua)
Rainha dona Luisa de Guzman (rua)
Rainha dona Maria I (rua)
Teresa Ambrosio (rua)
Lavoratrici / imprenditrici / artigiane: 12
Adelas, Adeli (rua)
Dona Maria de Lourdes (largo)

Angelina Vidal (rua)
Cesina Adães Bermudes (rua)
Sara Benoliel (rua)
Helena Vaz da Silva (rua)
Maria José Estanco (rua)
Maria Ulrich (rua)
Galinheiras, Gallinare (azinhaga/largo/travessa)
Ferrugenta (beco)
Ovarinas, Ovarine (rua)
Peneireiras, Canestraie (largo)
Figure mitologiche o leggendarie, personaggi letterari: 8
das Musas, delle Muse (passeio/rua)
Bruxa, Strega (azinhaga)
das Tagides (passeio)
Preta Costança (rua)
Maria da Fonte (rua)
Rainha dasl Ilhas das Cobras (rua)
Rainha do Congo (rua)
Atlete e sportive: --
Altro (nomi femminili non identificati; toponimi legati a tradizioni locali, ad es. via delle Convertite, via delle Canterine, via della Moretta, via delle Zoccolette; madri di personaggi illustri...): 25
Antonia Andrade (rua)
Condessa (rua)
Duas Marias, Due Marie (rua)
Tres Marias, Tre  Marie (rua)
Quatros Marias, Quattro Marie (rua)
Cinco Marias, Cinque Marie  (rua)
Seis, Marias, Sei Marie  (rua)
Maria (rua)
Maria Carlota (rua)
Maria Emilia  (rua)
Maria Margarida (rua)
Maria Pia (rua)
Maria Ribeiro (rua)
Maria Teresa (rua)
Madres,  Madri   (rua)
Madressilva (travessa)
Maria  Guerra (beco)
Maria Andrade (rua)
Maria da Silva (rua)
Maria Luisa  (rua)
Morenas, More (rua)
Raparigas, Ragazze (rua)
Ricarda (beco)

  Censimento a cura di: Elisabetta Corvino 

Fonte: Elenchi da Camara Municipal de Lisboa aggiornati al 2014

Adelaide de Jesus Damas Brazão Cabete (Alcáçova, Elvas, 1867 — Lisbona, 1935)
Meglio conosciuta come Adelaide Cabete, fu una delle principali femministe del movimento portoghese del secolo XX; medica, fondò nel 1914 il Consiglio nazionale delle donne portoghesi.

Adelaide Félix (1896 – 1971)
Repubblicana convinta fu medica, ginecologa, ostetrica, pacifista, abolizionista, animalista e umanista. Fu pioniera nelle rivendicazione dei diritti delle donne e per oltre 20anni presidiò il consiglio nazionale delle donne portoghesi e rivendicò a favore delle donne il diritto di un mese di maternità prima del parto e nel 1912 rivendicò anche il diritto al voto femminile. Nel 1933  è stata la prima e unica donna a votare la costituzione portoghese a Luanda (dove viveva)

Margarida Adelina Abranches (Lisbona, Anjos, 1866 —1945)
Anche conosciuta come Adelina Ruas  fu una attrice riconosciuta come la maggiore figura del teatro portoghese. E’ stata decorata dell'ordine di Santiago de Espada e con la medaglia d'Oro della città di Lisbona.

Adriana de Vecchi (Viana do Castelo, 1896 – 1995)
Figlia di madre italiana e padre portoghese, fu  educata in Italia dove studiò pianoforte e violoncello presso il Conservatorio di Torino. Fondò negli anni '50 una Accademia Musicale per i Bambini insieme al marito  Fernando Costa, violoncellista. Dedicò tutta la sua vita all' insegnamento della musica e alla promozione di attività culturali.

Alcina de Sousa Bastos (Vila da Feira – Fiães, 1915 – Lisbona, 1993)
Fu una nota avvocata che ha lavorato a Lisbona dal 1955 partecipando a tutti i movimenti e le lotte finalizzate alla caduta della dittatura e l'instaurazione della democrazia; per questo divenne nota come la "Pasionaria" portoghese. Nella sua vita, dedicata alla causa della libertà e della rivoluzione, fu leader dei repubblicani e partecipò alle nomination per la presidenza del generale Norton de Matos e il generale Humberto Delgado. Alcina Bastos  fondò Urap - Unione degli Antifascisti resistenti portoghesi.

Alda Nogueira (1923 – 1998)
Fu una grande combattente antifascista che dedicò la sua vita all'emancipazione delle donne, alla lotta della classe operaia, alla democrazia e al socialismo. All'età di 26 anni lasciò la ricerca universitaria in chimica per dedicarsi alla lotta per la libertà. Dopo la Rivoluzione si dedicò con la stessa fermezza e convinzione al rafforzamento del partito delle donne.

Alice Pestana (Caiel) - Alice Evelina Pestana Coelho (Santarém, 1860 – Madrid, 1929)
Scrittrice, giornalista, pedagoga, femminista e pacifista, Donna di grande cultura, dominava egregiamente varie lingue, le lettere, le scienze e la musica. Scrisse in inglese, francese, spagnolo e portoghese. Interessata della politica del suo tempo, collaborò con molte riviste usando gli pseudonimi di Caiel, Eduardo Caiel, Cil e anche l'anagramma Célia Elevani. Nel 1888, in missione per il governo, viaggiò in Svezia, Francia e Inghilterra per raccogliere elementi volti a perfezionare l’insegnamento nelle scuole superiori femminili. Scrisse molto su questo argomento difendendo la necessità dell’educazione femminine come condizione necessaria alla concretizzazione di una società democratica e giusta. Fu responsabile e prima presidente della Lega Portoghese della Pace (prima organizzazione femminista in Portogallo) nel 1899; è stata la prima giornalista alla quale è stata intitolata una strada a Lisbona.

Maria Alice Amorim Cruz (Póvoa de Varzim, 1940 – Lisbona, 1994)    
Alice Cruz iniziò la sua carriera in Angola, prima come giornalista in un’emittente cattolica e poi nella Gazzetta Emittente dell'Angola, dove si occupò di reportage, interviste, radio-dramma e programmi di produzione.  Al di là della televisione, ha collaborato anche con "Parodiantes de Lisboa", con Antena 1 presentando "Per fortuna c'è Domenica", il quotidiano "Tal & Qual”; dal 1988 al Maggio 1991 collaborò alla rivista femminile "Guia".

Amalia da Piedade Rebordão Rodrigues (Lisbona, 1920 – 1999)
Amalia Rodrigues fu una cantante e attrice portoghese, considerata la miglior esponente del genere canoro noto come Fado; a livello internazionale è riconosciuta come la voce del Portogallo; attiva per sessant'anni, dopo la sua morte fu inumata nel Pantheon nazionale tra altre personalità che hanno dato lustro al Paese.

Maria Amelia Carvalheira da Silva (Gondarém, Vila Nova de Cerveira, 1904 – Lisbona, 1998)     
Scultrice di arte sacra, il suo lavoro mostra un’interiorità intima e contemplativa. Ha portato il suo lavoro in tutto il Paese e all’estero e ha realizzato il Colonnato del Santuario di Fatima.

Amélia Ray Colaço, Amélia Schmidt Lafourcade Rey Colaço Robles Monteiro (Lisbona, 1898 — 1990)    
Era una attrice e regista teatrale portoghese, molto amica di Salazar.

Ana de Castro Osório (Mangualde, 1872 — Setúbal, 1935)     
Fu una scrittrice, soprattutto di letteratura per ragazzi, ma anche giornalista, educatrice, attivista repubblicana femminista.

Angela Pinto (Lisbona, 1869 – 1925)
Attrice di teatro, la sua carriera fu segnata dall'insegnamento della Severa (famosa fadista); cominciò la carriera nel teatro di Setubal, debuttando a 20 anni. E’ stata insignita dell'Oficial da Ordem de Santiago.

Angelina Vidal, Angelina Casimira do Carmo da Silva Vidal (Lisbona,1847 – 1917)    
Insegnante, giornalista e attiva nella difesa dei diritti del lavoro, in particolare per le donne, di fede repubblicana, si distinse con interventi pubblici in campo sociale.

Antonia Gertrudes Pusich (Cabo Verde- São Nicolau, 1805 - Lisbona, 1883)    
Fu una giornalista, direttrice ed autrice di tre testate. Figlia di Anthony Pusich, un ufficiale di origine croata che fu governatore di Capo Verde, e della portoghese Ana Maria Isabel Nunes, da piccola visse circondata dai libri e imparando diverse lingue (francese, inglese e italiano). È stata la prima donna in Portogallo ad essere proprietaria e direttrice di tre riviste (il suo nome era posto nell'intestazione), in un tempo in cui le donne, per riuscire a veder pubblicati i propri testi, si nascondevano dietro pseudonimi maschili.

Arminda Correia (Lagos, 1903 — Lisbona, 1988)     
Fu una cantante lirica portoghese. Eccezionale interprete di autori portoghesi, fu apprezzata per le rare doti di dizione e timbro di voce, nell'interpretazione sia di 'Lieder' che di canti tradizionali portoghesi

Aura Abranches (Lisbona, 1896 -  1962)    
Attrice e drammaturga del teatro portoghese.

Aurora Teixeira de Castro e Gouveia (Porto, 1891 – Valongo, 1931)
Prima notaia in Portogallo, come femminista si battè tutta la vita per i diritti delle donne.

Bernanda Ferraira da Lacerda (1596 - 1644)     
E’ stata una studiosa portoghese, una scrittrice e una drammaturga.

Berta Cardoso (Lisbona, 1911 – 1997)    
Punto di riferimento nell’età dell'oro dei fadisti, si disse di lei che "arrivò, cantò e vinse" quando si esibì la prima volta in pubblico al Salone Artistico di Fado, accompagnata da Armandinho. Aveva allora solo 16 anni.;  fece parte della generazione d’oro del Fado e fu una delle figure di maggior rilievo e visibilità nel teatro (rivista e operetta) dagli anni 30 agli anni 50 del secolo scorso.

Branca de Gonta Colaço (1880 - 1994?)  
Figlia di una bella, colta ed elegante signora inglese, Anna Charlotte Syder, e del poeta Thomas Ribeiro, si sposò a 18 anni con il noto azulejista e pittore Jorge Colaço. Branca de Gonta fu una donna elegante che si distinse per la cultura erudita e poliglotta e divenne una delle poetesse più famose del Portogallo. Si interessò anche di prosa e drammaturgia.

Branca Edmée Marques de Sousa Torres (Lisbona, 1899 – 1986)    
Laureata in Fisica e Chimica presso la Facoltà di Scienze di Lisbona (1925), dal dicembre 1931, per tre anni, lavorò come ricercatrice presso il Laboratoire Curie Institut du Radium, prima sotto la guida di Marie Curie e, dopo la sua morte avvenuta nel 1934, sotto Andrew Debierne. Nel 1936, tornata in Portogallo, creò il Laboratorio di Radiochimica, trasformato poi (1953) nel Centro per lo Studio della Radiochimica della Commissione di studio dell'energia nucleare. Rappresentò il Portogallo nella seconda conferenza Internazionale sull’applicazione pacifica dell’energia nucleare a Ginevra.

Brunilde Júdice Caruson (Milano, 1898 – Lisbona, 1979)    
Figlia della cantante Maria Judice da Costa e de Baritono Guglielmo Caruson, fu per 40 anni un’attrice famosa la cui carriera fu consacrata da vari premi.

Carolina Beatriz Angelo (Guarda 1878 — 1911)
Fu la prima medica  chirurga del Portogallo  e una femminista convinta. Fu la prima donna a votare nel paese in occasione delle elezioni dell'Assemblea costituente nel 1911: approfittando del fatto di essere vedova e  madre, votò come capofamiglia.

Carolina Wilhelma Michaëlis de Vasconcelos (Berlino, 1851 — Porto, 1925)     
Fu scrittrice, critica letteraria, prima donna ad insegnare in un'università portoghese, l'Università di Coimbra. Svolse un ruolo importante anche come mediatrice tra la cultura portoghese e cultura tedesca.

Cecilia Benevides de Carvalho Meireles (Rio de Janeiro, 1901 —1964)     
Fu poetessa, pittrice, insegnante e giornalista brasiliana. E 'considerata una delle più importanti voci liriche della letteratura in lingua portoghese.

Cesina Borges Adães Bermudes (1908 - 2001)    
Nata a Lisbona, figlia del drammaturgo e saggista Felix Bermudez, è stata medica, ricercatrice e femminista. Frequentò il Liceo Camões in una classe dove era unica allieva fra quindici ragazzi. Si laureò in Medicina e Chirurgia nel 1933. Cominciò ad avere consapevolezza politica negli anni Quaranta e a simpatizzare con l'unico partito che si opponeva a Salazar. Pur avendo terminato il dottorato ed essendosi specializzata, il regime non le permise di andare avanti con la sua carriera di ricercatrice in medicina. Nel 1954 partì per Parigi per studiare le nuove conoscenze sul tema delle nascite. Cesina Bermudez introdusse in Portogallo il metodo del "parto indolore". Quando morì, nel 2001, i media diedero molto spazio alla storia di questa donna eccezionale.

Contessa di Rio, Mariana Claudina Pereira de Carvalho (?-1882)
Era la figlia dei Baroni di Entre-Rios. Sposò nel 1832 il cugino José Antonio Barroso de Carvalho, da cui non ebbe figli.  Nel 1856  fu nominata baronessa, successivamente nel 1867  viscontessa  e nel 1880, già vedova, fu elevata a Contessa di Rio, evento raro nella storia della nobiltà brasiliana.  Con la morte della madre nel 1876, prese possesso della fattoria Cantagalo.  Morì nel 1882  e, dopo la sua morte, la proprietà terriera della Fattoria entrò a far parte dell’intera estensione del villaggio di Entre-Rios. Donna di grande lungimiranza e di idee avanzate, per la sua regione ha portato avanti  importanti iniziative politiche, amministrative e di assistenza sociale.

Constança Capdeville (Barcellona, 1938 – Lisbona, 1992)    
Fu un’insegnante, compositrice e artista dalle molteplici capacità. Ha lavorato presso il Conservatorio Nazionale di Lisbona, la Scuola di Musica e nella Nuova Università di Lisbona ha insegnato nel Corso di Musicologia. Compose musica da camera, sinfonica d’ orchestra e balletto per le famose esibizioni alla Fondazione Gulbenkian.

Preta Costança, Costança la Nera
È una figura popolare che, si dice, vivesse per strada chiedendo elemosina dopo che le fu rapito il figlio che aveva avuto con un nobile.

Dona Ana Rosa – Dona Rosa de Araújo Galvão (San Paolo, 1787 - 1860)
Fu una filantropa brasiliana che ha destinato, con il suo testamento, tre quarti della patrimonio ad opere di carità.

Dona Filipa de Vilhena (? – Lisbona, 1651)    
Prima ed unica marchesa di Atouguia, era una nobile portoghese che divenne simbolo di patriottismo per il suo Paese durante la Restaurazione dell'Indipendenza.
 
Dona Maria Ana de Austria, Maria Anna d'Asburgo, arciduchessa d'Austria (Linz, 1683 – Lisbona, 1754)    
Fu regina consorte del Portogallo, tra il  1708 e il 1750, come moglie del re D. João V.

Dona Maria de Lourdes, Maria de Lurdes Pais Gomes (Lisbona, 1928 – 1996)    
Cominciò a lavorare come assistente sociale presso il Distretto nel 1948 e dedicò quasi 50 anni di lavoro di vita ai residenti del Distretto di Furnas, ai bambini e ai giovani; amata da tutti, ha lasciato un’impronta in molte generazioni, che l’hanno ammirata e rispettata per il suo esempio unico a livello sociale.

Edith Louisa Cavel (1865 -1915)    
E’ stata un’infermiera britannica, viene considerata, a livello internazionale, come una figura eroica della Prima guerra mondiale. Edith Cavell è nata nel 1865 in Swardeston, Norfolk, in Inghilterra, dove il padre fu sacerdote per 45 anni. Venne catturata dai tedeschi il 3 agosto 1915 e fucilata a Bruxelles, Belgio, il 12 ottobre dello stesso anno

Maria Eduarda Lapa de Sousa Caldeira (Trancoso, 1895 — Lisbona, 1976),     
Meglio conosciuta come Eduarda Lapa, è stata una pittrice  e insegnante di pittura. La sua attività pittorica è evidenziata dall’eccellenza tecnica sia nella pittura a olio che nel pastello, e dal tratto sicuro, corretto ed elegante nell disegno. Si è specializzata nelle nature morte e nella riproduzione di fiori fino ad a essere considerata tra le grandi figure di quel genere pittorico. Fece parte della Società Nazionale di Belle Arti e fu la prima donna a svolgere ruoli di importanza nella gestione dell’istruzione.

Elina Júlia Pereira Guimarães da Palma Carlos (Lisbona, 1904 - 1991)    
Conosciuta come donna della Libertà, questa avvocata e scrittrice ha difeso in modo instancabile i diritti delle donne, ottenendo numerosi riconoscimenti.

Elisa Baptista de Sousa Pedroso (Vila Real, 1881- Lisbona, 1958)    
Fu una pianista, fondatrice del circolo di Cultura Musicale e organizzatrice di concerti sinfonici importanti per la città di Lisbona. E' stata la prima componente onoraria della Gioventù musicale portoghese, insignita di varie medaglie.

Elvira Sales Velez Pereira (Lisbona, 1892 – Caxias, 1981)    
Attrice lisboeta, debuttò nel teatro moderno ma rappresentò, in tutto il Paese, il Teatro in generale interpretando ed esibendosi nella commedia, tragedia, farsa, operetta, rivista.

Emilia das Neves (Lisbona, 1820 - 1883)     
Meglio conosciuta come Linda Emilia, era una attrice drammatica portoghese che ebbe una notevole importanza durante il XIX secolo, la prima grande star femminile ad emergere in Portogallo.

Emilia Eduarda  (Lisbona, 1845 - 1908)    
Attrice del Teatro Moderno,  è stata scrittrice e poetessa

Maria Fernanda Machado Alves (1930 - 2000)    
Attrice e regista teatrale, dedicò al teatro e alla poesia il suo amore infinito e la sua passione assoluta. Fu una donna di grande sensibilità, intelligenza e cultura.

Fernanda de Castro (1900 – 1994)    
Cantò la Lisbona dei mille colori, dove visse da bambina prima in una casa che si affacciava sul Tago e poi nel Barrio Alto. Autrice di romanzi e poesie, descrisse i giardini di Lisbona ”come l'invasione della città, come il sogno è l'invasione degli uomini”. Alla “Musa dei Giardini” è stato dedicato un giardino pubblico.

Florbela Espanca (Vila Viçosa, 1894 — Matosinhos, 1930)
Battezzata come  Flor Bela de Alma da Conceição Espanca, fu una poetessa portoghese. La sua breve vita – morì ad appena trentasei anni, fu tumultuosa, inquieta e piena di intima sofferenza, che lei seppe trasformare in poesia di altissima qualità, carica di femminilità, erotismo  e panteismo.

Francine Germaine Vane Gool Benoit (Périgueux, 1894 - 1990)    
Visse la maggior parte della sua vita a Lisbona, frequentato il Conservatorio dove studiò pianoforte e composizione e dove in seguito insegnò. Fu direttrice musicale dell'Accademia di Musica per  Dilettanti ed è stata fra coloro che fondarono il Conservatorio di Musica di Coimbra.

Glicinia Vieira Quartin (Lisbona, 1924 – 2006)     
E’ stata un'attrice importante per il teatro e la televisione portoghese

Guilhermina Suggia (Porto, 1885 - 1950)     
Fu una famosa violoncellista portoghese

Helen Adams Keller (Tuscumbia, 1880 – Easton,  1968)    
Di fama mondiale, Helen Keller nacque nel 1880 in Tuscumbia; molto presto divenne cieca e sorda a causa di una malattia diagnosticata al momento come "febbre cerebrale" (ora si pensa che possa essere stata scarlattina). Imparò a leggere il Braille e a parlare a 10 anni e alla sua formazione contribuì notevolmente la sua maestra e amica Anne Sullivan. Riuscì a laurearsi nonostante le difficoltà e ad acquisire una vasta conoscenza letteraria e scientifica. Ha scritto diverse opere e creato diversi istituti di assistenza e riabilitazione per ciechi, sordi e muti. Alla sua vicenda, e a quella dell'istitutrice che le insegnò a interagire con il mondo esterno così da poter affrontare gli studi fino alla laurea, venne dedicato il romanzo The Miracle Worker, da cui furono tratti sia un film che una rappresentazione teatrale, noti in Italia con il titolo Anna dei miracoli.

Helena de Aragão, Helena Augusta Teixeira de Aragão Breia (Lisbona, 1880 –  1961)
Fu una famosa scrittrice e giornalista.

Helena Félix (Porto, 1920 - 1991)    
Fu un attrice portoghese di teatro e di cinema.

Helena Vaz da Silva (Lisbona, 1939 – 2002)    
Battezzata come Helena Maria da Costa de Sousa de Macedo Gentil Vaz da Silva , fu una figura della cultura portoghese del secolo XX. Donna dalla forte personalità e dalle diverse sensibilità, si è impegnata nel rinnovamento della vita portoghese verso la democrazia.

Hermínia Silva Leite Guerreiro (Lisbona, 1907 – 1993)     
Celebre fadista e attrice lisboeta, è stata insignita medaglia d'oro della città di Lisbona nel 1980.

Irene Fernandes Aguiar Isidro (Evora, 1907 - Lisbona, 1993)    
Figlia di padre musicista e madre attrice, iniziò la sua carriera nel 1924 al Teatro Nacional declamando i grandi della scena teatrale.

Irene do Céu Vieira Lisboa (Casal da Murzinheira, 1892 – Lisbona, 1958)    
Fu scrittrice, pedagoga e professoressa. Per la sua produzione letteraria, che va dalla poesia, alla cronaca o alla novella, utilizzò vari pseudonimi sia femminili che maschili.

Maria Ivone da Silva Nunes (Ferreira do Zêzere, 1936 — Lisbona, 1987)    
Meglio conosciuta solo come Ivone Silva, fu una attrice portoghese che dedicò il suo lavoro  all'umorismo in televisione e teatro.

Jacinta Marto (Aljustrel, 1910 – Lisbona, 1920)
Toponimo che onora la pastorella di Fatima accanto al luogo dove morì, l'Ospedale de Estefania. Jacinta con il fratello Francisco e la cugina Lucia assistettero alla visione degli angeli e della Madonna.

Josefa de Óbidos, Josefa de Ayala Figueira (Siviglia, 1630 — Obidos, 1684)
Fu una pittrice che nacque in Spagna ma visse e lavorò in Portogallo.

Julieta Ferrão Bárbara (Lisbona, 1899 - 1974)    
Fu una scrittrice e poetessa portoghese. Dai suoi numerosi scritti prendono vita e le opere dell’artista e disegnatore Rafael Bordalo Pinheiro.

A Bruxa, la Strega       
Si riferisce probabilmente a una fattucchiera dedita a stregoneria che viveva in quella zona del XVI sec.

Laura Alves Magno (Lisbona, 1921 - 1986)     
Attrice portoghese

le  Quattro Marie, le  tre  Marie, le Cinque Marie,  le Due Marie, le Sei Marie , Maria Carlota, Maria Emilia, Maria Margarida, Maria Pia, Maria Riberio, Maria Teresa.
Come per tutta la sezione ausiliaria femminile della Croce Rossa, la cui iniziativa nacque nel 1967, questa via omaggia le donne che più si distinsero nell’operazione di recupero e soccorso nelle 230 abitazioni bruciate durante l’incendio del 1962

As Adelas, le Adeli        
Viene dall' arabo Addalal, si riferisce alle donne che vendevano oggetti usati, principalmente abiti, nelle fiere o per strada.
 
As Penereiras, le Canestraie        
Mestiere tipicamente femminile, donne che intrecciavano setacci e panieri.

As Galinheiras, le Gallinare        
Mestiere tipicamente femminile, donne ambulanti venditrici di galline e uova.

As Ovarinhas, le Ovarine        
La strada onora le donne che emigrarono verso la capitale dalla città di Ovar per la vendita in strada di pesce e di erba medica. Furono immortalate in molte raffigurazioni. L’intitolazione indica per lo più una venditrice ambulante.

Leonor de Viseu (1458-1525)    
Prima e moglie di re Giovanni II, è ricordata per la sua azione nel campo dell'assistenza ai bisognosi. E 'stata lei a creare il primo ospedale in Caldas da Rainha  e la Misericordia di Lisbona, le cui attività furono estese a tutto il territorio. Leonor si distinse come promotrice di iniziative culturali.

La Ferrugenta        
Fa riferimento a Leonor Maria, fornaia di sua Maestà che si chiamava cosi in quanto vedova di un uomo che veniva chiamato Ferrugento.

Leonor da Fonseca Pimentel Chaves (Roma, 1752 - Napoli, 1799)    
Conosciuta in Portogallo come la "Portoghese di Napoli", è stata una patriota e politica italiana. È stata una delle figure più rilevanti della breve esperienza della Repubblica Napoletana del 1799

Luciana Stegagno Picchio (Alessandria, 1920 – 2008)    
Fu una filologa, storica della cultura, critica letteraria, esperta di letteratura medievale portoghese, di storia del teatro, della letteratura portoghese e brasiliana. Morì all'età di 88 anni ed è stata autrice di oltre 500 pubblicazioni dedicate alla letteratura e alle culture portoghesi. E’ riconosciuta come la più importante Luso-brasileirista in Europa.

Lucília do Carmo, Lucília Nunes de Ascensão do Carmo (Portalegre, 1919 – Lisbona, 1998)     
Fu una celebre fadista

Lucília Simões, Lucília Cândida Simões Furtado Coelho (Rio de Janeiro, 1879 — Lisbona, 1962)    
Fu un'attrice del teatro portoghese, figlia della nota attrice Lucinda Simões.

Lucinda do Carmo (Lisbona, 1861 – Lisbona, 1922)     
Si affermò come attrice di primo ordine nel Teatro di commedia. Madre della Fadista Lucilia do Carmo.

Lucinda Simões, Lucinda Augusta da Silva Borges (Lisbona, 1850 – Lisbona, 1928)    
Figlia dell'attore Artur Simões fu attrice a sua volta e divenne famosa come Lucinda Simões. Fu una grande attrice drammatica portoghese,  madre di una altra famosa attrice,  Lucília Simões.

Luisa Neto Jorge (Lisbona, 1939 - 1989)     
Traduttrice e poetessa portoghese

Luisa Rosa de Aguiar (Setúbal, Nossa Senhora da Anunciada, 1753 - Lisbona, 1833)
Meglio conosciuta col nome da sposata, Luisa Todi fu una cantante lirica di fama internazionale. Nel 1799 terminò la sua carriera nel Teatro di Napoli.

Luzia Maria Martins (Lisbona, 1927 – 2000)    
Donna di teatro in Portogallo e nel mondo è stata fondatrice del Teatro-Estúdio de Lisboa / Teatro Vasco Santana.

Laura Ayres (1922 – 1992)    
Medica e ricercatrice

Maria de Lourdes Pintasilgo (Abrantes, 1930 – Lisbona, 2004)    
L’ingegnera Maria de Lourdes Ruivo da Silva Matos Pintasilgo è, fino ad ora, l’unica Prima Ministra del governo costituzionale portoghese. Laureata in ingegneria chimica si distinse nel movimento cattolico della Pax Romana e fondò con Teresa Santa Clara Gomes il Movimento delle donne cattoliche.
        
Maria Madalena Bagão da Silva Biscaia (Farinha) de  Azeredo Perdigão (Figueira da Foz, 1923 – Lisbona, 1989)    
Più conosciuta come Madalena Perdigão, fu senza dubbio una figura molto influente nella vita artistica del paese.

Madame Marie Curie (Varsavia, 1867 — Passy, Sallanches, 1934)
Marie Curie, nome assunto dopo il matrimonio al posto di  Maria Skłodowska, fu due volte premio Nobel, prima per la fisica e in seguito per la chimica

Maluda, Maria de Lurdes Ribeiro (Pangim, 1934 – Lisbona, 1999)
Distintasi come Maluda, dipinse principalmente Lisbona, la sua luce e i contrasti geometrici della città, in particolare nella serie della fine degli anni '70, "Chioschi di Lisbona" e "Finestre di Lisbona". La serie dei chioschi è stata consacrata in una collezione di francobolli a cura di CTT, per il quale ha vinto il premio  a Washington nel 1987.

Manuela Porto (Lisbona, 1908 -  1950)
Traduttrice e scrittrice, resta nella memoria di tutti per la capacità di declamare poesie con passione e devozione.

Margarida Vieira Mendes (Porto, 1949 – Lisbona, 1997)    
Si distinse come docente universitaria insegnando, presso la Facoltà di Lettere di Lisbona, Letteratura e cultura portoghese, con particolare attenzione all’Oratorio barocco di Padre António Vieira, che divenne la sua tesi di dottorato e il titolo della pubblicazione.

Maria Guerra        
Madre del poeta Gregório de Matos Guerra, Maria visse a  Baía nel 1630. Fu ricordata come la Maria da Guerra (in riferimento al cognome del marito) che abitava nel quartiere della Sé a Lisbona nel 1650.

Maria Albertina Soares de Paiva (1909 – 1985)    
Fu  una cantante di fado portoghese e rappresentò il folklore e la cultura nella Grande esposizione di Parigi.

Maria Alice Glória Mendes Leal de Carvalho (Figueira da Foz, 1904 – Lisbona, 1996)     
Celebre fadista, dotata di una voce raffinata e ricca, era una cantante molto popolare negli anni '30 del XX secolo. Il suo soprannome lo scelse Valentim de Carvalho, proprietario della casa di registrazione e anche il marito.

Maria Amalia Vaz de Carvalho (Lisbona, 1847 - 1921)      
Scrittrice e poetessa, fu la prima donna a entrare nella Accademia di Scienze di Lisbona nel 1912.

Maria Amelia Luisa Helena d'Orléans (Twickenham, 1865 — Le Chesnay, 1951)    
Membro della famiglia dei Borbone-Orléans, fu l'ultima regina consorte di Portogallo e, in questo ruolo, conosciuta con il nome di Maria Amelia. In qualità di regina consorte ebbe un ruolo culturale e sociale importante per il paese. Nel 1892 fondò l'Istituto d'aiuto ai naufraghi e, nel 1905, il Museo delle carrozze reali (oggi Museo Nazionale delle Carrozze). In campo sanitario fondò l'istituto di Assistenza nazionale ai tubercolotici, che combatté la più terribile malattia dell'epoca. Nel 1892 Papa Leone XIII donò ad Amelia una Rosa d'Oro.

Maria Armanda Pires Falcão (Mozambico, 1917 – Lisbona, 1996)    
Con la licenza di giornalista professionista dal 1965, sotto lo pseudonimo di Vera Lagoa, lottò ferocemente per l'ingresso al sindacato e per il suo ruolo di giornalista del reale. Dopo la rivoluzione si occupò di riviste e reportage politici. E’conosciuta come una donna autentica, audace e coraggiosa, dalla scrittura polemica, irriverente e controversa.

Maria Brown, Maria da Felicidade do Couto Brown (Porto, 1800 - 1861)
Usando lo pseudonimo di Soror Dolores e Coruja Trovadora fu poetessa di spicco e di grande sensibilità

Maria da Fonte (1846)    
Maria da Fonte, o Revolução do Minho, è il nome dato a una rivolta popolare della primavera del 1846 contro il governo presieduto da António Bernardo da Costa Cabral. La rivolta nacque in seguito alle tensioni sociali dovute alle guerre liberali e allo scontento popolare dovuto alle alterazioni fiscali proibitive per la popolazione. Ebbe inizio nelle zone del Minho e si estese in breve a tutto il nord del Portogallo. A istigare i moti iniziali si dice fosse una donna del popolo, tale Maria, conosciuta come Maria da Fonte. Siccome la prima parte della rivolta ebbe una componente nettamente femminile, si diede il nome di questa donna alla rivolta.

Maria da Luz de Deus Ramos Ponces de Carvalho (Lisbona, 1918 - 1999)    
Nipote del poeta João de Deus e seconda figlia del pedagogo João de Deus Ramos, fu la principale continuatrice della loro opera. Esercitò nell’attività di educatrice  e si interessò sempre alla difesa del diritto all’educazione dei bambini.

Maria da Silva (XVII sec.)    
Secondo Luis Pastor de Macedo, in quella zona nel 1600 abitava, e poi morì, una donna chiamata Maria da Silva, moglie di Afonso de Barreira che nel vicolo vicino aveva alcune case. L'ipotesi più plausibile è che il marito avesse nominato quella strada, dove c'erano le sua proprietà, con il nome della moglie.

Maria de Lourdes  Mello e Castro (Tomar, 1903 - 1996)    
Fu discepola del maestro Josè Malhoa e apprese tutte le sue tecniche di pittura. La sua opera si caratterizza per i paesaggi dai colori vivaci e luminosi e per i graziosi ritratti femminili e infantili.

Maria de Lourdes Sá Teixeira (1907- 1984)    
Fu la prima donna aviatrice portoghese.

Maria de Lourdes Belchior Pontes (Lisbona, 1923 - 1998)    
E’ stata una donna che ha dedicato la vita all'insegnamento e alla diffusione della ricerca in ambito letterario

Maria do Carmo Torres (1901- anni ‘50)    
Cantante fadista, nacque a Fuzeta, in Algarve, e morì a Leça do Bailio negli anni '50. Da piccola si trasferì a Setubal, dove andò a lavorare come operaia in una conserveria di pesce, e fu in questo periodo che cominciò a cantare, prima come dilettante poi come professionista. Dopo la morte di suo figlio adolescente affermò che il canto era la sua unica consolazione dalle sofferenze, dedicandosi ad esso fino alla morte

Maria Helena Vieira da Silva (Lisbona, 1908 — Parigi, 1992)    
Pittrice portoghese

Maria Isabel Hahenman Saavedra de Aboim Inglês (Lisbona, 1902 - 1963)    
Maria Isabel Aboim Ingles  è stata la prima donna a far parte del comitato centrale del MUD - Movimento di Unità Democratica - fino a quando il regime di Salazar lo mise fuori legge arrestando il suo intero comitato esecutivo. Ella fu arrestata molte volte subendo violenze arbitrarie; le fu negato il permesso di lasciare il paese per insegnare nelle università straniere.

Maria Isabel Saint Léger (Alhandra, 1841 – Lisbona, 1920)     
Divenne nota per i suoi atti caritatevoli e si distinse anche per il suo impegno con la cugina Maria Luisa Holste con la quale fondò la prima Mensa popolare di Lisbona(Cucina Economica di Lisbona).

Maria Josè da Guia (1929 - 1992)
Resa famosa per i suoi versi di fado, cantò i poeti più autorevoli. Furono molto popolari le sue interpretazioni di "Coimbra" e "Lisboa Antiga" di José Gallardo e Raul Ferrao e della "Casa Portuguesa", le cui parole sono tratte da  una poesia di M. Sequeira  e musica A. Fonseca.

Maria José Estanco, Maria José Brito Estanco Machado da Luz (Loulè, 1905 – 1999)    
E’ stata la prima donna portoghese a laurearsi in architettura, ricevendo il premio quale migliore studente del corso; tuttavia, viste le restrizioni sociali del tempo, non ha mai praticato la professione. Anche se fu ammessa nell'Unione Nazionale degli Architetti nel 1945, Maria Jose Estanco  per tutta la vita fu insegnante e ricercatrice.

Maria Júdice da Costa (Lisbona, 1870 - 1960)
Attrice e cantante lirica, debuttò in teatro nel 1890. Si oppose a Caruso, Ruffo e Battistini, figure di spicco maschili, imponendosi lei come la più grande interprete femminile.

Maria Judite de Carvalho (1921 – 1998)    
Scrittrice di racconti brevi, romanziera e giornalista, Judith Maria Carvalho è stata considerata dalla critica come una delle più grandi personalità della letteratura moderna portoghese. Il suo primo libro di racconti e romanzi, Tanta Gente Mariana, risale al 1959 e fu subito acclamato dai critici. Questo libro annuncia in qualche modo ciò che segnerà tutta la sua opera, vale a dire la solitudine e l’isolamento, sviluppando una prosa sullo spazio urbano dove l'intimità contrasta con le dimensioni e il vuoto della grande città

Maria Adelaide Lalande (Castelo Branco, 1913 – Lisbona, 1968)     
Attrice portoghese

Maria da Conceição Vassalo e Silva da Cunha Lamas (Torres Novas, 1893 – Lisbona, 1983)     
Meglio conosciuta come Maria Lamas, scrittrice, giornalista, fotografa e attivista per i diritti delle donne, si dedicò alla letteratura per ragazzi e al romanzo, a volte anche con lo pseudonimo letterario di Rosa Silvestre

Maria Leonor Buescu (1932-1999)    
Esercitò la sua attività di filologa come docente della Facoltà di Scienze sociali e umane, sia in ambito nazionale che straniero. Sviluppò un rigoroso lavoro di ricerca sulla storia e la lingua portoghese.

Maria Luisa            
In quella strada abitava una donna di cui ancora si conserva memoria, sposata con un tale Francisco Xavier e  sepolta nella chiesa dos Anjos.

Maria Holstein (Lisbona, 1841- Sintra, 1909)    
A essere omaggiata è la terza Duchessa di Palmela, Maria Luisa Domingas de Sales de Borja de Assis de Paula de Sousa Holstein, la cui filantropia fu eccezionale e svolta nell’Assistenza Nazionale alla Tubercolosi, nel Soccorso ai naufraghi, negli asili, in missioni, nell’istituto di protezione per l'infanzia. Insieme a sua cugina  Maria Isabel Saint-Lèger fondò la prima Mensa popolare di Lisbona(Cucina Economica di Lisbona).

Maria de Conceição de Matos Ferreira da Silva (Lisbona, 1890 — 1952)    
Più conosciuta come Maria Matos, fu un’attrice portoghese.

Maria Pimentel Montenegro (1925-1970)    
Poetessa

Maria Ulrich (Coimbra, 1908 – Lisbona, 1988)    
Il nome completo era Lisboa Maria Mayer Ulrich; dedicò tutta la sua vita all'educazione infantile.

Maria Veleda (Faro, 1871 – Lisbona, 1955)
Pseudonimo di Maria Carolina Frederico Crispim, fu, con Ana de Castro Osorio, Adelaide Cabete Carolina e Beatriz Angelo, fondatrice dell'Obra Maternal, di cui divenne direttrice e insegnante. Maria Veleda si è distinta anche come scrittrice, giornalista e militante femminista e dei movimenti repubblicani. Nel 1907 è stata presidente del gruppo portoghese di Studi Femministi.

Maria Violante Vieira (Lisbona, 1915 – 1997)    
Fu fondatrice del Comitato Olimpico per l'UNICEF. È stata profondamente impegnata a sostenere e attuare i diritti del fanciullo dando loro assistenza in particolare in situazioni drammatiche.

Mariana Vilar Lucinda Costa Alves Figueira (Algarve, 1927-?)
Fu un attrice di talento, con una fulminante carriera cinematografica.

Marquesa de Alorna (Lisbona, 1750 – Lisbona, 1839)    
Il suo nome per esteso era Leonor de Almeida Portugal Lorena e Lencastre. E’ stata una scrittrice e poetessa a cui fu anche riconosciuto il titolo di marchesa di Alorna; letterariamente usò gli pseudonimi di Lilia, Laura, Lise e Alcipe. Sviluppò la sua figura artistica attraverso un cenacolo di personaggi leggendari in cui trova piena corrispondenza.

Mécia Mouzinho de Albuquerque (Lisbona 1870 - 1961)     
Fu una scrittrice che difese sempre la monarchia e del 1915 fondò un’associazione per aiutare i monarchici. Fu soprattutto conosciuta per le sua iniziative nella lotta alla povertà e fondò la Lega per la lotta al cancro. Era la figlia illegittima di Fernando Luís Mouzinho de Albuquerque (di cui comunque porta il nome).

Menina do Mar, Sophia de Mello Breyner Andresen (Porto, 1919 – Lisbona, 2004)    
E’ ricordata come la più grande poetessa del Portogallo, autrice di numerosi libri per bambini che hanno segnato diverse generazioni.

Natalia de Oliveira Correia (S. Miguel- Fajã de Baixo, 1923 – Lisbona, 1993)
Fu scrittrice e poetessa portoghese, divenne celebre, nel 1982, per un intervento sferzante e satirico sul tema dell’ aborto, in replica ad alcune dichiarazioni del deputado João Morgado. Fu fra coloro che fondarono il  Frente Nacional para a Defesa da Cultura.

Natercia Freire (1919-2004)
Poetessa, scrittrice di racconti, giornalista e femminista, scrisse durante gli anni della dittatura in cui la donna era relegata ad un ruolo marginale e ben definito. Messa al bando dalla Rivoluzione dell’ Aprile 1974, Natercia Freire cadde poi in silenzio immeritato. Lascia un’eredità poetica che merita di essere (ri)scoperta.

Nina Marques Pereira, Constança Carlota Prazeres Marques Pereira (Goa, 1911 – Lisbona, 1968)
Pianista molto famosa in Portogallo.

Odette de Saint-Maurice (1918 – 1993)
Fu una figura di spicco nel panorama della letteratura giovanile e della  scrittura del dramma radiofonico; donna di alta sensibilità e amante dell'arte, della poesia e della musica, integrò amabilmente tutte le discipline come nessuno nel suo tempo.

Maria Olga de Moraes Sarmento da Silveira (Setúbal 1881 — 1948)
Fu una scrittrice portoghese e conferenziera. Figlia e nipote di militari, ha trascorso parte della sua infanzia a Elvas, dove strinse amicizia con Virginia Quaresima. È stata fortemente legata alla gruppo di intellettuali portoghesi agli inizi del XX secolo, ha combattuto per i diritti civili, giuridici e politici delle donne.

Palmira Bastos (Alenquer, Aldeia Gavinha, 1875 – Lisbona, 1967)    
Maria da Conceição Martinez de Sousa Bastos  fu una delle più conosciute attrici portoghesi.

Públia Hortênsia de Castro (Vila Viçosa, 1548 – Evora, 1595)
Fu una donna che si travestì da uomo per poter studiare, in un momento in cui, alla fine del '500 l'insegnamento pubblico era riservato solo agli uomini. E’ stata anche la prima donna portoghese a parlare in pubblico difendendo le Conclusioni Teologiche in presenza di Filippo II. Compose in latino poesie, dialoghi filosofici e religiosi.

Rainha D. Estefânia (de Hohenzollern-Sigmaringen) Estefânia Frederica Guilhermina Antónia (Germania, 1837 – Lisbona, 1859)    
Questo luogo rende omaggio alla regina Stefania, sposa di D.Pedro V. La Regina chiese al marito e alla suocera la costruzione di un ospedale moderno per i bambini; tuttavia morì poco tempo dopo e anche il re non sopravvisse molto ancora. Nonostante ciò l’ospedale fu portato a termine 20 anni dopo la sua morte, secondo i suoi desideri.

Rainha das Ilhas das cobras        
Dice Alfredo Gameiro: "Una creatura miserabile, che quando venne a Lisbona ogni giorno per le strade girava mendicando per Ajuda con i suoi stracci e la sua costante ubriachezza".

Rainha do Congo        
Potrebbe riferirsi a due personaggi entrambi conosciuti a livello popolare come "Regina del Congo".
1) La Regina del Congo era Maria Amalia I che, nell'ultimo quarto del XIX secolo, si stabilì a Lisbona, presso  Outeiro ed era solita organizzare feste molto famose, per questo viene classificata come personaggio popolare.
2) Dona Ana de Sousa Nzinga o Ngola Ana Mbande o regina Ginga (c 1583 -. Matamba, 1663) è stata una regina ("Ngola") dei regni di Ndongo e Matamba, in Sud Africa occidentale nel XVII secolo. Fu una regina forte e determinata, che diede vita ad una economia che, a differenza di altri paesi africani, non dipendeva dal commercio degli schiavi. Dona Ana morì a 80 anni, figura ammirata e rispettata in Portogallo. E’ considerata "una protonazionalista angolana” nella lotta contro il potere coloniale.

Rainha dona Brites, Beatrice Fernandez (Coimbra, 1372 – Madrigal, dopo il 1409)
Regina consorte di Castiglia e León dal 1383 al 1390 e regina del Portogallo e dell'Algarve dal 1383 al 1385, era la figlia terzogenita del re del Portogallo e dell'Algarve, Ferdinando I e della moglie, Eleonora Telles de Menezes.

Rainha dona Caterina, Caterina d'Asburgo (Torquemada, 1507 – Lisbona, 1578)
Regina del Portogallo, sposa di Joao III, fu l'ultima figlia di Giovanna, regina di Castiglia detta la Pazza, e del re di Castiglia Filippo I d'Asburgo. Fu la prima regina  a partecipare ai Consigli di Stato accanto al marito, si dedicò ad opere di carità in tutta la regione.

Rainha dona Luisa de Guzman, Luísa Maria Francisca de Gusmão e Sandoval (Huelva,1613 — Lisbona, 1666)    
Sposata con Joao, duca di Bragança, fu la prima Regina di Portogallo della quarta dinastia. A lei spetta il merito del successo diplomatico ottenuto con la nuova alleanza con l'Inghilterra, rafforzata dal matrimonio della figlia Caterina con Carlo II d'Inghilterra. Fu anche artefice della riorganizzazione delle armate del Portogallo che, negli anni seguenti, avrebbero assicurato la piena indipendenza alla nazione grazie alle vittorie conseguite durante la Guerra di restaurazione portoghese.

Rainha dona Maria I (Lisbona, 1734 – Rio de Janeiro, 1816)    
Maria I, nome completo Maria Francisca Isabel Josefa Antónia Gertrudes Rita Joana de Bragança, detta la Pia (in Portogallo) o la Matta (in Brasile) fu regina di Portogallo e dell'Algarve dal 1777 al 1816 e del Regno Unito di Portogallo, Brasile e Algarve dal 1815 al 1816. Fu una delle due sovrane regnanti della storia portoghese: l'altra fu la nipote Maria II.

Raquel Roque Gameiro Ottolini (Lisbona, 1889 — 1970)    
Fu una pittrice  e illustratrice portoghese. Figlia del pittore e acquarellista Alfredo Roque Gameiro e sorella dell’illustratrice Maria Emilia (Mamia) Roque Gameiro, trascorse l’infanzia e la giovinezza in Amadora, dove viveva con la sua famiglia. La madre era l'illustratrice Guida Ottolini. Si dedicò principalmente all’acquerello e all’illustrazione. Espose alla Società Nazionale di Belle Arti.

Rosa Damasceno, Rosa Angélica Damasceno Rosado (São Pedro da Cova, 1845 — Mafra 1904)    
Fu un attrice portoghese di teatro. Sposata con un altro attore, ebbe un figlio che si diceva fosse del Re Luis I di Portogallo.

Rosalia de Castro (Santiago di Compostela,  1837 – Padrón,  1885)     
Fu una poetessa e scrittrice spagnola di lingua e nazionalità galiziana, collocabile all'interno del movimento romantico della Galizia, conosciuto come Rexurdimento ("Rinascimento" o "Restaurazione"). La sua poesia si caratterizzò per una combinazione di nostalgia e malinconia tipica della saudade.

Santa  Giovanna d'Aviz a del Portogallo (Lisbona, 1452 – Aveiro, 1490)    
Fu reggente del Portogallo e dell'Algarve tra il 1470 e il 1475, durante le assenze del padre. Si dedicò al sociale.

Santa Isabel d’Aragona  Rainha de Portugal (Saragozza, 1271 – Estremoz, 1336)
Isabella, la Regina Santa, è conosciuta anche come Sant'Elisabetta del Portogallo. Isabel in aragonese e in portoghese, Elisabet in catalano, fu regina consorte del Portogallo e dell'Algarve dal 1282 al 1325. Fu canonizzata nel 1625 ed è venerata come santa dalla Chiesa cattolica. La tradizione la descrive come un esempio di carità cristiana, benefattrice dei malati di Lisbona, sempre pronta a pacificare le contese. La sua carità cristiana la spinse ad occuparsi con dedizione anche dei figli illegittimi del marito; assistette quest'ultimo, gravemente malato, fino alla sua morte; l'affettuosa dedizione della moglie pare ne favorì la conversione in extremis al Cattolicesimo. Vedova, fu accolta dal convento di Santa Clara e diventò francescana. I miracoli iniziarono dopo la sua morte  e quello più conosciuto fu il Miracolo delle Rose.

Sara Benoliel (Brasil-Manaus, 1898 – Lisbona, 1970)    
Laureata presso la Facoltà di Medicina di Lisbona nel 1925, specializzata in Pediatria, ha organizzato il Dispensario della Corte di infanzia e creato il Materno Soccorso Femminile negli Ospedali Civili; fu direttrice di un asilo nido presso l'Ospedale dei Cappuccini. Ricevette la Medaglia d'argento per i buon Servigi all’ Ospedale Civile di Lisbona e per le sue pubblicazioni.

Sarah Afonso (Lisbona, 1899 —1983)     
Fu una pittrice portoghese.

Severa, Maria Severa Onofriana (Lisbona, 1820 - 1846)    
Nata nel quartiere di Anjos, era la figlia di Anna Gertrude Severa e Severo Manuel de Sousa e divenne una famosa cantante di fado, dal tragico destino di morte a 26 anni.

Sophia de Mello Breyner Andresen (Porto, 1919 – Lisbona, 2004)    
Nella memoria dei portoghesi è la loro più grande poetessa, oltre ad essere autrice di numerosi libri per bambini che hanno segnato diverse generazioni. Ha scritto le sue prime poesie all'età di dodici anni e pubblicò il suo primo libro  "Poesia" all'età di 23 anni

Suor Lucia di Fatima (Aljustrel, 1907 – Lisbona, 2005)    
Lucia de Jesus dos Santos, una dei tre che affermavano di aver visto la Madonna a Fatima nel 1917, è nata nel 1907 ad Aljustrel, Fatima,  e ha dedicato la sua vita alla preghiera e alla contemplazione. Insieme con i suoi cugini Francesco e Giacinta, Suor Lucia è una figura di spicco che ha influenzato il corso della storia, dopo aver vissuto tutta la vita nella pratica dei valori in cui egli credeva con incrollabile fede.

Tágides        
Musa del fiume Tago, Tejo in portoghese

Teresa Ambrósio, Maria Teresa Vieira Bastos Ramos Ambrósio (Vila Nova de Ourém, 1937 – Lisbona, 2006)    
La sua attività si sviluppò in ambito accademico, sia sul piano amministrativo che politico,  interessandosi sempre per la crescita dell’educazione delle donne e la presenza femminile sia in politica che nella cultura. Laurea in Fisica e Chimica, Master in Sociologia dello sviluppo, e dottorato di ricerca in Scienze dell'Educazione, è stata anche la fondatrice, nel 2003, dell'Associazione portoghese di donne scienziate (Amonet). E’ stata la prima Deputata nell'Assemblea di Lisbona Comunale (1977-1979) e fu nell'Assemblea nazionale per il Partito socialista (1976 - 1983), presidente della Commissione parlamentare per le donne, Vice Presidente della Commissione Parlamentare Istruzione e Vice Presidente del Gruppo parlamentare socialista.

Teresa de Saldanha, Teresa Rosa Fernanda de Saldanha Oliveira e Sousa (Lisbona, 1837 - 1916)
Monaca domenicana, figlia del 3° Conte di Rio Maior, vestì l'abito nel 1887 e fu superiora generale. In precedenza, nel 1859 a 22 anni, fondò con altre l’Associazione di protezione delle povere ragazze.

Teresa Gomes, Maria Teresa Martins Diogo David e Silva Gomes Pereira (Malange 1956 — Lisbona, 1999)
Fu una professoressa di Storia Portoghese. Si distinse guidando numerosi progetti pedagogici che si occuparono della valorizzazione del patrimonio storico e culturale del comune della regione di Torres Vedras.

Violante Montesino (Lisbona, 1601 - 1693)    
Fu una poetessa che visse come dominicana nel Monastero di Nostra Signora da Rosa, cambiando il suo nome in suor Violante do Céu. Come scrittrice si dedicò alle tematiche, proprie del Barocco, della malattia, dell'infermità e delle metamorfosi, scrivendo sia in spagnolo che in portoghese.

Virginia Queresma (1882-1973)    
E’ stata la prima giornalista reporter in Portogallo e in Brasile. Oltre a scrivere di notizie, si distinse nella scrittura di storie e nell’ intervista, due generi che compongono il giornalismo moderno. Fu  insieme con Berta Gomes de Almeida, la prima donna a laurearsi in Lettere (1903). Si occupò di portare avanti le cause femministe per i pari diritti, il diritto al voto, il diritto al lavoro, l'accesso alle stesse occupazioni degli uomini, l'amministrazione dei beni, il divorzio erano temi dominanti nei suoi articoli .

Viscontessa di Olivais - Maria Rosa da Veiga Araújo (Macau, 1823 - Lisbona, 1892)
Sposò il primo Visconte di Olivais, Antonio Teofilo de Araùjo e divenne viscontessa di Olivais. Si dedicò a varie associazioni di beneficenza, come l’asilo a Lapa e a Olivais, desitnati ai bambini poveri ai quali lasciò tutti i suoi beni.

Virgínia Robertes Rau (Lisbona, 1903 – 1973)
Una donna che davvero si distinse come docente universitaria nella Facoltà di Lettere di Lisbona e che fu ricercatrice du Storia economica dei secoli XVI e XVII

Virginia Vitorino (Alcobaça, 1895 — 1967)    
Poetessa e drammaturga portoghese

Wanda Ramos (Dundo, Angola, 1948 - Lisbona, 1998)    
Scrittrice e traduttrice portoghese.

-rua: via;
-calçada: strada lastricata molto spesso in pendenza;
-jardim: giardino pubblico;
-largo: area urbana ampia, di solito crocevia di più strade;
-praça: piazza, largo normalmente circondato da edifici;
-beco: stradina stretta, buia e  breve, molto spesso senza uscita;
-azinhaga: vicinale, strada di solito proveniente o che attraversa campi;
-travessa: traversa, via stretta che comunica con due strade principali;
-arco: , una viuzza coperta di solito da un tunnel ad arco;
-miradouro: belvedere, punto elevato dal largo orizzonte;
-avenida: viale, strada larga molto spesso a due corsie
-escada/escadinha: scala/scaletta, rampa;
-passeio: cammino usualmente pedonale;

 

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.