Benefattori anonimi dei “Giardini delle Giuste e dei Giusti”

21 Gennaio 2017
Scritto da Pina Arena

È trascorso un anno dalla nascita dei “Giardini delle Giuste e dei Giusti  in ogni scuola”, con tante    storie di memoria affidate agli alberi piantati  da donne e uomini, ragazze e ragazzi di buona volontà, ma anche con   aiuole intitolate  qualche volta devastate e ri-devastate   da vandali distratti  o arrabbiati o ignavi, poi ripiantate  da giovani che hanno scelto   la via della resistenza al  vandalismo.

C’è, però, una terza categoria di persone che da un anno vedo all’opera   e che meritano attenzione e racconto. Anche loro modello  per tutti noi. Sono i ricostruttori silenziosi che   donano il loro tempo e  il loro intervento generoso, breve o lungo,  ad una causa che condividono come cittadine e cittadini perbene, senza chiedere nulla in cambio, giusto per il piacere civico e nobile di fare cose giuste.

Non li conosco ma vedo i segni del loro passaggio: hanno ricollocato una   targa cadente annodando un fazzoletto; hanno raccolto i rami di un alloro sbattuto dal vento con un filo di corda che passa attraverso gli occhielli di tre scope capovolte;  hanno fissato ad un bastone rudimentale una ginestra alta e flessuosa, che si era piegata su se stessa; hanno dato l’acqua agli alberi nel periodo estivo con il bidoncino portato da casa. Si sono fermati   a rimettere in sesto il bastone della targa o l’arbusto piegato.

Vedere i segni del loro passaggio  dà gioia ed  emoziona.

Sono benefattrici e benefattori dell’umanità che fanno piccole-grandi cose per la gioia di fare, gratuitamente.  

Qualcuno l’ho visto all’opera: era la ragazza che ripiantava la targa insieme al ragazzo che portava a passeggio il cane. Si sono fermati un attimo per fare anche questo. Sorridevano, facevano, poi hanno ripreso le loro strade.

Di altri non so nulla. Su di loro ho chiesto informazioni ad una giovane madre che porta i bimbi a giocare attorno all’aiuola delle Giuste, poi ad un’anziana donna e alla sua badante che  frequentano abitualmente il” Giardino delle Giuste e dei Giusti”  a Piazza Borgo e siedono sulla panchina accanto agli alberi di alloro intitolati a  Malala e a Piersanti Mattarella.

Mi hanno parlato di un uomo anziano che  la sera mette a posto, “come se fosse casa sua”, della ragazza riccioluta   che spesso dà l’acqua come se fosse il suo giardino, del ragazzo che si trova a passare e si ferma a rimettere a posto il bastone divelto dal vento o da qualche passante incauto.

 I nostri sconosciuti ”eroi“ operano con la leggerezza di chi fa un’azione normale e giusta, non per sé ma per tutti, senza nessuna  voglia di apparire,  senza selfie e pubblicità, di nessun genere.  

La ragazza, il ragazzo, l’anziano signore vorrei conoscerli poiché rappresentano lo straordinario  ordinario: mi piacerebbe  che ci raccontassero la loro idea di mondo e di relazioni umane, la loro bellissima normalità che vorrei fosse un modello per noi.

O forse no: è bello che restino  mito, nel mistero delle loro identità e nella concretezza del loro operato.   “Giuste e giusti” anche loro, arricchiscono con un tocco  diverso l’idea di mondo   che il   progetto  coltiva.

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.