<Sardegna Democratica
La collaborazione tra Sardegna Democratica e Toponomastica femminile, iniziata con la campagna 8 marzo: 3 donne, 3 strade,
a partire dal 5 luglio 2012 ha assunto carattere continuativo.
In questo spazio raccogliamo tutti gli articoli settimanali editi che sottolineano
diversi aspetti delle intitolazioni sarde, presenti e proposte.
 
 

Memorie e moniti nelle strade cittadine

Scritto da Cinzia Marroccoli e Teresa Spano
12 Luglio 2012

Ripartiamo da un concetto che ci sta molto a cuore: quello della mancanza di modelli al femminile per le giovani donne, mancanza che spesso porta le ragazze a non darsi valore, a sottostimarsi e, magari, a seguire il modello, della donna oggetto, solo corpo, ancora imperante in TV e nella pubblicità.
Inoltre, se nelle targhe delle strade dovessero comparire intitolazioni femminili rivolte alle vittime di femminicidio, si tratterrebbe di nuovo di donne ridotte a corpi, spesso massacrati e violati, ancora una volta donne senza testa che non agiscono, non scelgono, donne relegate per sempre al ruolo di vittime.

Toponomastica femminile e democratica

Scritto da Maria Pia Ercolini e Daniela Serra
05 Luglio 2012

In occasione della ricorrenza dell'otto marzo, sulle pagine di Sardegna Democratica avevamo raccontato dell'iniziativa promossa dal gruppo facebook di Toponomastica femminile, volta a censire su tutto il territorio nazionale la presenza femminile nell'odonomastica.
In conseguenza alle prime ma significative rilevazioni, che avevano evidenziato una presenza femminile assolutamente residuale (meno del 5%), il gruppo ha rivolto a tutte le amministrazioni l'invito ad aderire all'iniziativa 8 marzo: 3 donne, 3 strade impegnandosi a dedicare alle donne le successive tre intitolazioni.

Campagna "8 marzo: tre donne, tre strade"

Scritto da Daniela Serra
08 Marzo 2012

Campagna per la memoria femminile locale, nazionale, straniera.
Da poco più di un mese è nato su Facebook il gruppo Toponomastica femminile per iniziativa di Maria Pia Ercolini, insegnante di geografia a Roma. L’idea è quella di impostare e condurre ricerche, pubblicare dati e fare pressioni su ogni singolo territorio affinché nelle intitolazioni di strade, piazze, giardini e luoghi urbani in senso lato siano maggiormente ricordate le donne per compensare l'evidente sessismo che caratterizza l'attuale odonomastica (branca della toponomastica).

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.